Programmi - Facoltà di Lettere e Filosofia - Università di Bari

inizio menù di scelta rapida

Facoltà di Lettere e Filosofia

A.A. 2005/2006

FILOSOFIA DELLA SCIENZA

prof. Marino Centrone

Tel. 080.571.41.65; e-mail: m.centrone@lettere.uniba.it


Filosofia della scienza
Prof. Marino Centrone
Anno accademico 2005-2006
Secondo semestre
Insegnamento a scelta dello studente – crediti 8 – primo anno
 

Tema del corso: Ragione e sovversione
Ragione: D. Hilbert, K. Gödel,
L. Wittgenstein: Il laboratorio per la fine del mondo, I bizantini e l’impero, L’architetto della tabula rasa , Il mago adirato, Nella valle del pianto, La tristezza senza speranza, La viseità e lo specchio.
A. Tarski, G. Peano, E. Husserl , L. Geymonat
Sovversione : Dialettica negativa, N.M. de Feo
A. Negri
L’impero, Il sistema mondo, Il Movimento, Essere contro: nomadismo, diserzione, esodo, Dall’imperialismo all’impero, Lo stato sovietico, la rivoluzione mancata , Il lavoro immateriale.
J. Baudrillard, J.Derrida, F. Lyotard
Capitalismo e schizofrenia : No future e romanticismo, Scienza nomade e scienza regale, Il volto del despota, Apparati di cattura, Il liscio e lo striato.
Nel corso si intende condurre una riflessione sulla natura della razionalità occidentale e della sua congruenza con l’instaurarsi della società capitalistica e imperiale. In questa prospettiva nella prima parte saranno analizzati i lavori di D.Hilbert e di E.Husserl che rappresentano gli esempi più lucidi e rigorosi di definizione della razionalità analitica e formale. In questa parte vengono anche introdotti alcuni autori, come L.Wittgenstein, K. Gödel, E.Husserl, L.Geymonat che nella prima metà del secolo scorso mostrarono alcuni limiti del formalismo, preludendo alle successive elaborazioni problematiche emerse nel dibattito epistemologico verso la fine del secolo. Nella seconda viene presentata invece la dimensione della razionalità sovversiva, della soggettività costituente, del potere della moltitudine che vede nella razionalità analitico-formale uno dei dispositivi di cattura messi in atto per controllare le masse sul piano istituzionale e accademico. I riferimenti in questa parte sono relativi ad alcuni maestri e protagonisti del pensiero contemporaneo F.Lyotard, J.Baudrillard, J.Derrida, A.Negri, M.Hardt e N.M. de Feo. Un terreno di saldatura fra le due parti può essere considerato il discorso sulla dialettica negativa, quel filone di pensiero che con la scuola di Francoforte (Horkeimer, Adorno e Marcuse) espresse le istanze di liberazione, le tensioni, le pratiche antagoniste di massa che caratterizzarono gli anni Settanta. In questa parte a volte compare la dimensione dell’inconscio; immagini, desideri, fantasie, racconti che hanno accompagnato gli anni della nostra meglio gioventù e che sono espressi nella figura di Antonin.
Bibliografia:
1) M. Centrone, A. Dati, A. Paiano, Ragione e sovversione, Levante Editore, Bari 2005
2) A. Altamura, M. Centrone, E. Mastropierro,
Filosofie della decostruzione, Levante Editore, Bari 2005
Il corso è organizzato per lezioni e seminari con proiezione di films
Il docente riceve gli studenti il venerdì dalle 10 alle 13 per tutto l’anno tranne il messe di Agosto.
E-mail : m.centrone@uniba.it
Cordialmente
Prof. Marino Centrone
 

Gli studenti che per motivi documentabili non possano frequentare, in tutto o in parte, le lezioni devono concordare col professore titolare dell’insegnamento le modalità per l’esame.

 

Torna alla pagina dei programmi