EPIGRAFIA LATINA
Anno accademico 2004-2005
prof. Marcella Chelotti
Tel. 0805714414; e-mail: m.chelotti@lettere.uniba.it

Per gli studenti triennalisti in Scienze dei Beni culturali (indirizzo archeologico) e del Corso di laurea Storico classico (4 crediti) e per gli studenti del Corso in Lettere classiche

Come esame a scelta (4 crediti).

Programma

Valore documentario delle iscrizioni e loro contributo per lo studio della Storia Romana; tipologia delle iscrizioni latine; onomastica; analisi del formulario epigrafico; epigrafia e prosopografia; strumenti bibliografici.

Testi di esame:

I. Calabi Limentani, Epigrafia latina, Milano, Cisalpino, 1991, (parte III).

S. Panciera, La produzione epigrafica di Roma in età repubblicana. Le officine lapidarie, in Acta Colloquii Epigraphici Latini Helsingensis, Helsinki, 1995, (pp. 319-342).

S. Panciera, Epigrafia. Una voce soppressa, in Archeologia Classica, 50, 1998, (pp. 31 ss).

A. Sartori, Le forme della comunicazione epigrafica, in Antichità Altoadriatiche, 1997, (pp. 39-65).

C. Zaccaria, Aspetti sociali del monumento funerario romani, in Antichità Altoadriatiche, 1997, (pp. 67-82).

G. Alföldy, Il futuro dell’Epigrafia, in Atti dell’XI Congresso internazionale di Epigrafia greca e latina, I, Roma, 1999, (pp. 87-102).

Letture consigliate:

J. Bodel, Epigraphy and the ancient historian, in Epigraphic Evidence. Ancient history from Inscriptions, London, 2001, (pp. 1-56).

P. Donati Giacomini, Innovazione e tradizione. Le risorse telematiche informatiche e la storia antica, Bologna, il Mulino, 2002.

Per gli studenti in Lettere indirizzo storico-archeologico (vecchio ordinamento).

I Modulo

Valore documentario delle iscrizioni e loro contributo per lo studio della Storia Romana; tipologia delle iscrizioni latine; onomastica; analisi del formulario epigrafico; epigrafia e prosopografia; strumenti bibliografici.

II Modulo

Epigrafia e storia: documenti epigrafici e storia antica. Epigrafia e archeologia: iscrizioni, monumenti e contesto; tipologia; iscrizioni su "instrumentum".

Testi di esame:

I. Calabi Limentani, Epigrafia Latina, Milano, Cisalpino, 1991, (parte III).

S. Panciera, La produzione epigrafica di Roma in età repubblicana. Le officine lapidarie, in Acta Colloquii Epigraphici Latini Helsingensis, Helsinki, 1995, (pp. 319-342).

S. Panciera, Epigrafia. Una voce soppressa, in Archeologia Classica, 50, 1998, (pp. 31 ss).

A. Sartori, Le forme della comunicazione epigrafica, in Antichità Altoadriatiche, 1997, (pp. 39-65).

G. Alföldy, Il futuro dell’Epigrafia, in Atti dell’XI Congresso internazionale di Epigrafia greca e latina, I, Roma, 1999, (pp. 87-102).

G. Pucci, Inscribed instrumentum and ancient economy, in Epigraphic Evidence. Ancient history from Inscriptions, a cura di J. Bodel, London, 2001, (pp. 137-152).

C. Zaccaria, Aspetti sociali del monumento funerario romani, in Antichità Altoadriatiche, 1997, (pp. 67-82).

Letture consigliate:

J. Bodel, Epigraphy and the ancient historian, in Epigraphic Evidence. Ancient history from Inscriptions, London, 2001, (pp. 1-56).

P. Donati Giacomini, Innovazione e tradizione. Le risorse telematiche informatiche e la storia antica, Bologna, il Mulino, 2002.

I. Di Stefano Manzella, Mestiere d’epigrafista, Roma, 1987, (i capitoli sulla tipologia dei monumenti epigrafici).

Gli studenti che per motivi documentabili non possano frequentare, in tutto o in parte, le lezioni devono concordare col professore titolare dell’insegnamento le modalità per l’esame.